Yoga in gravidanza: armonia e sintonia

Accompagnare le future mamme in un percorso di yoga in gravidanza è per me sempre un’esperienza particolare e unica; unica per ogni loro sentire, per il gruppo che si forma come una piccola famiglia, per la condivisione del momento della nascita e dei passi successivi.
Molte mamme magari inizialmente sono scettiche sui benefici nel praticare yoga, magari non si sono mai avvicinate a questa disciplina ma talvolta anche dopo la prima gravidanza ritornano.

Quando una donna si trova nel magico stato della gravidanza passa un’alternanza di sensazioni ed emozioni: gioia, entusiasmo, preoccupazione, insicurezza, tristezza, stanchezza mentale, euforia,.. Sicuramente il desiderio delle future mamme è di vivere questo periodo il più possibile serenamente ma soprattutto in modo consapevole.

I cambiamenti fisici, psicologici ed energetici se vissuti con accettazione e curiosità in questa esperienza unica per ognuna , possono diventare un modo anche per conoscersi maggiormente, scoprire nuove parti di Sè e sperimentare quell’intensa interazione con un altro essere, una nuova anima: il proprio bimbo. In tutto ciò lo yoga può essere un’opportunità per aiutare le future mamme ad imparare ad ascolarsi cogliendo i propri bisogni e movimenti più interni e a mettersi in contatto con la creatura che sta crescendo.

Attraverso un percorso che lavora sul fisico in modo dolce si possono rendere più flessibili alcune parti del corpo, attenuare tensioni e disturbi tipici legati all’evoluzione del corpo ( postura, gonfiore e pesantezza alle gambe, problemi digestivi…); con tecniche di pranayama- respirazione consapevole si ritorna a sentire il proprio respiro e si impara ad usarlo come alleato fondamentale nelle fasi finali e nel momento del parto. E non ultimo si dà spazio e tempo a rilassare la mente. I benefici sono sicuramente riportati al bimbo che sentirà l’energia, la calma e l’ attenzione data in modo armonioso dalla porpria mamma già nei primissimi mesi di gestazione. Entreranno in sintonia e in connessione fisica, psichica ed energetica in modo naturale e spontaneo senza sforzare nulla.

E il bimbo ricorderà anche lui l’esperienza dei rilassamenti, dei suoni cantati, della dolcezza dei movimenti. Una mia allieva racconta che il suo bimbo sin da subito nei primissimi giorni della nascita si tranquillizzava al canto della OM.

Anche la testimonianza di Elisa è significativa.

“Ero molto motivata ad intraprendere questa esperienza: avevo praticato un poco di yoga in passato e mi era rimasto un bel ricordo. Nonostante ciò, dopo lungo cercare e qualche attesa, finalmente il corso comincia, io però ero già un pò avanti con le settimane, mi sarebbe piaciuto tanto iniziare prima. Il corso in sé è stato molto piacevole, molte asana in effetti erano per me nuove, mai praticate in un corso “normale” di yoga. E’ stata molto curata, a mio parere, la parte relativa alla spiegazione della respirazione, che poi può essere utile durante il parto. Inoltre partecipare agli incontri è per me stata un’occasione per ritagliare un piccolo spazio interamente dedicato alla bimba nel periodo ancor prima di conoscerla. Era molto piacevole il fatto di sentirla muovere lentamente mentre si accomodava meglio nel suo spazio, soprattutto durante la parte del rilassamento. Un’altra cosa importante è stata, secondo me, il cercare di portare la donna a focalizzare la propria attenzione sui genitali perché questo può, a mio parere, aiutare a far prendere un pò di confidenza proprio per un evento che, in fondo, spaventa un pò tutte (o almeno spaventava me). Credo che questo rappresenti un primo passo verso la consapevolezza di quel che succederà e nel cercare di mantenere la calma ed il distacco necessari ad affrontare questo viaggio. Non so se sono riuscita a spiegare le mie riflessioni, ma in conclusione, questo è ciò che penso, per me è stata un’esperienza globalmente positiva che senza dubbio ripeterei.” Ed in effetti Elisa è ritornata anche per la sua seconda gravidanza.

Se volete più informazioni contattatemi al 3924390119 – Laura


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *